DALLA VECCHIA: «LAVORARE CONTRO LO SPRECO DI ENERGIA SIGNIFICA RILANCIARE ANCHE LE IMPRESE EDILI»

created; $time = date('h:i', $timestamp); $day_month = date('d/m', $timestamp); $year = date('Y', $timestamp); $html = '
'; $html .= ''. $time . ''; $html .= '' . $day_month . ''; $html .= '' . $year . ''; $html .= '
'; print $html; ?>
Lo ha detto l'assessore all'Ambiente, aprendo il workshop “Edilizia innovativa per il Progetto 202020: il futuro è nelle nostre mani!” alla Fiera di San Donà

Uniti per lavorare contro le spreco dell’energia. Questo il monito arrivato dalla sala convegni della Fiera della Città di San Donà di Piave nel corso del seminario dal titolo “Edilizia innovativa per il Progetto 202020: il futuro è nelle nostre mani!” e svoltosi in mattinata. Ad aprire i lavori, è stato l’assessore provinciale all’Ambiente Paolo dalla Vecchia, che ha spiegato il percorso fatto in questi anni dalla giunta di Francesca Zaccariotto. «Nel 2008 – precisa – l’Europa ha iniziato a parlare alle autonomie locali e l’anno successivo, quando ci siamo insediati, nessun Comune aveva partecipato al Patto dei sindaci. E su partite come queste, non si può ragionare un modo singolo ma si deve remare tutti verso la stessa direzione. Così, ad oggi, ci sono ventidue adesioni e altre dieci sono in arrivo, oltre alla Provincia. Nel momento in cui si mette la firma, l’Europa fa partire un cronoprogramma, perché il percorso da fare è serio. Abbiamo cercato di coordinare i Comuni in maniera interdisciplinare, perché non è pensabile che ciascuno operi per conto proprio. Tutti, infatti, sono coinvolti: dai settori viabilità ai trasporti, dall’urbanistica all’edilizia. I risultati di questo percorso virtuoso, già si vedono e si stanno traducendo in azioni concrete». Dalla Vecchia parla pure delle prospettive future del comparto. «Oggi – continua l’assessore all’Ambiente – viviamo una situazione difficile e le risorse non devono essere sprecate, dobbiamo indicare le migliori pratiche per risparmiare sul budget familiare, dobbiamo metterle a disposizione di tutti, a partire dai cittadini. Anche una Fiera come San Donà, che attira migliaia di visitatori, ci deve aiutare a dare maggiori informazioni. Per questo vogliamo raccogliere e ascoltare le idee da adottare nei prossimi anni. La giornata è stata utile ai Comuni e al comparto economico e produttivo per conoscere meglio la sostenibilità nell’edilizia e la normativa per il risparmio energetico, non solo per le nuove costruzioni ma anche per il recupero e ammodernamento edilizio. Un aspetto molto importante questo, che potrebbe sostenere una riqualificazione anche nel comparto turistico, in cui la provincia di Venezia è leader assoluto». http://www.provincia.venezia.it