LE APPROVAZIONI DEL CONSIGLIO PROVINCIALE OSSERVAZIONI PIANO REGIONALE TUTELA ATMOSFERA SOTTOPOSTO A VAS E SCHEMA CONVENZIONE GESTIONE ASSOCIATA SERVIZIO DIZTRIBUZIONE GAS

created; $time = date('h:i', $timestamp); $day_month = date('d/m', $timestamp); $year = date('Y', $timestamp); $html = '
'; $html .= ''. $time . ''; $html .= '' . $day_month . ''; $html .= '' . $year . ''; $html .= '
'; print $html; ?>
Il via libera è giunto all'unanimità

Nella seduta del Consiglio provinciale presieduta da Marina Balleello del 28 maggio, sono state approvate all’unanimità due proposte di delibera: la prima riguardante le osservazioni sull’aggiornamento del piano regionale di tutela e risanamento dell’atmosfera sottoposto a Vas, la valutazione ambientale strategica,  proposto dalla Regione del Veneto; la seconda sull’approvazione dello schema di convenzione da stipulare con i Comuni dell’ambito territoriale Venezia 2 – entroterra e Veneto orientale per la gestione associata del servizio di distribuzione del gas naturale. «L’obiettivo generale – riferisce l’assessore all’ambiente Paolo Dalla Vecchia – persegue il miglioramento della qualità dell’aria a livello regionale per tutelare la salute umana, ambientale e della vegetazione, e quindi l’abbattimento dell’inquinamento atmosferico. Il nostro luogo di riferimento è rappresentato dalla pianura Padana fortemente antropizzata con importanti siti industriali ed artigianali e una presenza costante di elementi inquinanti nell’atmosfera. Gli obiettivi specifici sono costituiti da target annuali di riduzione delle emissioni dei diversi inquinanti (Pm 10, Pm 2,5). È fondamentale fra l’altro l’utilizzo di biomasse per gli impianti industriali, e inoltre è importante puntare su interventi di riconversione del patrimonio edilizio nell’ottica del risparmio energetico. L’aggiornamento del vigente Piano regionale di tutela e risanamento dell’atmosfera si è reso necessario a seguito del decreto legislativo 155 del 2010 di attuazione di una Direttiva europea. In questo percorso di risanamento gioca un ruolo fondamentale la Provincia come ente di coordinamento territoriale e di collaborazione con i comuni, ruolo che stiamo svolgendo a pieno con l'attuazione del patto dei sindaci, con il supporto nella redazione dei Piani d’azione per l’energia sostenibile (Paes) e dei piani delle acque comunali».

Il presidente della commissione ambiente Diego Vianello ha ribadito piena soddisfazione in merito al documento discusso dalla stessa commissione. La seconda deliberazione riguarda l’approvazione della convenzione per la gestione della gara d’affidamento del servizio di distribuzione del gas naturale in forma associata. I comuni interessati dalla gara unica appartengono all’ambito territoriale “Venezia 2 - Entroterra e Veneto Orientale”. La legge prevede, infatti, che i ruoli di stazione appaltante e di controparte nel contratto con il fornitore del gas siano svolti dalla Provincia o dalla città metropolitana quando quest’ultima subentrerà all’ente provinciale. I Comuni non sosterranno alcun costo per l’attivazione della gara, né per eventuali gestioni di contenziosi legali, che saranno curati dell’avvocatura provinciale. In pratica l’obiettivo è superare la dimensione comunale delle gare di settore, nel rispetto di alcune direttive dell’Unione europea, per ottenere migliori condizioni tariffarie e migliori servizi per il territorio di riferimento, con un risparmio dunque anche per le famiglie del territorio veneziano. «La Provincia – prosegue l’assessore all’Edilizia Giacomo Gasparotto – intende continuare a proporsi con un ruolo di coordinamento oggi sempre più cruciale, soprattutto su questioni complesse che non possono riguardare il singolo Comune ma tutto il territorio, dai trasporti alla gestione dei rifiuti e, in questo caso, l’energia. Noi mettiamo a disposizione uffici ed esperti a costo zero, con l’obiettivo di guardare a una crescita unitaria e positiva di tutto il nostro territorio». http://www.provincia.venezia.it