«LA TUTELA DELLE ACQUE E LA RIDUZIONE DELL’IMPATTO MICROBIOLOGICO: LE TECNICHE DI DISINFEZIONE E LE PREVISIONI DEL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE IN VENETO»

created; $time = date('h:i', $timestamp); $day_month = date('d/m', $timestamp); $year = date('Y', $timestamp); $html = '
'; $html .= ''. $time . ''; $html .= '' . $day_month . ''; $html .= '' . $year . ''; $html .= '
'; print $html; ?>
Mercoledì 6 marzo alle 9.15 si terrà un workshop in Provincia

Mercoledì 6 marzo, con inizio dalle ore 9.15 al centro servizi della Provincia a Mestre (via Forte Marghera, 191), l’assessore provinciale all’Ambiente Paolo Dalla Vecchia aprirà il workshop dal titolo «La tutela delle acque e la riduzione dell’impatto microbiologico: le tecniche di disinfezione e le previsioni del Piano di Tutela delle Acque in Veneto» organizzato dalla Provincia e dall’Agenzia regionale per la prevenzione e protezione ambientale del Veneto (Arpav). L’evento sarà rivolto soprattutto ai tecnici dell’ambiente dei comuni del Veneziano, ad aziende municipalizzate, a professionisti e aziende private che si occupano del trattamento di acque reflue. Scopo dell’iniziativa è quello di fornire un quadro della qualità delle acque in provincia di Venezia con la presentazione del rapporto elaborato da Arpav sui bacini idrografici che convogliano le acque destinate alla balneazione e sul controllo delle fonti di inquinamento presenti. Verrà inoltre approfondita e proposta la discussione sui sistemi di disinfezione con particolare attenzione ai sistemi alternativi a cloro e prodotti e saranno presentati i risultati di recenti esperienze di sperimentazione di sistemi alternativi in provincia di Venezia (impianti di Eraclea Mare e Jesolo con sperimentazione dell’acido performico). Il seminario sarà chiuso da un dibattito sulla problematica tra enti pubblici e gestori del Servizio Idrico Integrato.

 

Uno degli aspetti che incidono significativamente sulla qualità delle acque è costituito dall’impatto microbiologico in relazione agli obiettivi dettati dalla Direttiva quadro 2000/60/CE e soprattutto dalla Direttiva 2006/7/CE in materia di qualità delle acque destinate alla balneazione. L’impatto microbiologico risulta particolarmente significativo per tutte le zone costiere dove sono presenti scarichi locali ma sono presenti anche le foci dei corpi idrici che raccolgono le acque di vaste aree. Le aree costiere rivestono in Regione Veneto un ruolo economico cruciale per l’economia regionale in termini di turismo (balneazione) e di acque destinate alla molluschicoltura. Pertanto la riduzione del carico microbiologico è un aspetto che interessa in maniera determinante proprio le aree costiere tra cui in regione Veneto la Provincia di Venezia. Lo strumento di pianificazione in materia di gestione delle risorse idriche in Veneto prevede nelle Norme Tecniche di Attuazione che a partire dal 9 dicembre 2012 sia vietato l’impiego del cloro e dei suoi derivati nella disinfezione degli scarichi.

 

Il programma prevede il messaggio di benvenuto di Dalla Vecchia, seguito da Fabio Strazzabosco e da Corrado Soccorso della Direzione tutela ambientale della Regione, che parleranno di «Piano di Tutela delle Acque e l’impatto microbiologico nelle acque superficiali». Poi toccherà a Paolo Osti e a Francesco Chiosi, del Servizio Ambiente della Provincia, che affronteranno il tema de «Il controllo degli scarichi e la disinfezione in provincia di Venezia». I lavori proseguiranno con Marco Ostoich e Luisa Vianello di Arpav, che interverranno su «La qualità delle acque interne e gli scarichi in area costiera», e con Enrico Cabras e Paolo Parati del Dipartimento provinciale/Osservatorio acque marine e lagunari, che faranno una relazione su «La qualità delle acque destinate alla balneazione e delle acque marino-costiere». Dopo la pausa, Luigi Faletti e Patrizia Ragazzo, del Dipartimento di Ingegneria industriale dell’Università di Padova/Asi di San Donà di Piave, si parlerà de «La disinfezione con cloro nel trattamento dei reflui fognari». Al termine toccherà a Giorgio Marchiori di Veritas con «La disinfezione delle acque reflue in laguna di Venezia: l’esperienza con UV», Achille Fantoni di Siba Spa con «Disinfezione mediante ozono: il caso del depuratore di Paese (Treviso) e, infine, Patrizia Ragazzo e Nicoletta Chiucchini di Asi San Donà con «Sperimentazione di sistemi di disinfezione con acido performico». Chiuderà la tavola rotonda. http://www.provincia.venezia.it